La pulizia dei denti è molto importante ed è un’attività che bisogna fare quotidianamente, anche più volte al giorno, secondo una tecnica ben precisa. Bisogna lavarsi i denti cercando di evitare la formazione di placche tra dente e gengive. Molti si chiedono quale sia il miglior spazzolino elettrico o quello manuale da utilizzare per assicurare una pulizia dei denti perfetta. In realtà, prima di scegliere se utilizzare l’uno o l’altro, l’ideale capire quali sono i vantaggi dello spazzolino automatico e quelli invece dello spazzolino manuale. Ciò che conta, però, al di là dell’utilizzo di quello elettrico o di quello manuale, è imparare a usarlo in maniera ottimale e dedicare alla pulizia del proprio cavo orale, il tempo giusto.

Pulizia dei denti con lo spazzolino elettrico

Esistono diversi modelli di spazzolino elettrico disponibili sul mercato che garantiscono un’ottimale pulizia dei denti. Da valutare, è sempre la modalità di spazzolamento che generalmente è molto simile da modello a modello. Ci sono quelli con le testine rettangolari ed altri modelli invece, che hanno le testine rotonde. La cosa importante è verificare che siano in grado di eseguire sia movimenti oscillatori, che rotatori, sia ad alta che a bassa frequenza. In genere, è sempre meglio optare per quelli con testine rotanti circolari che garantiscono la giusta pulizia, però riuscendo a garantire la prevenzione del sanguinamento gengivale.

Le caratteristiche dello spazzolino manuale

Lo spazzolino manuale lascia all’utente la possibilità di eseguire i movimenti giusti. Deve essere ergonomico, avere delle setole in grado di raggiungere i punti anche più inaccessibili, quindi di sbiancare e lucidare i denti. Alcuni spazzolini hanno dei tamponi disponibili pulisci – lingua che sono utili a raggiungere l’obiettivo. E’ importante però riuscire a spazzolare con la giusta tecnica, così da garantire la pulizia dei denti nel miglior modo possibile.

La giusta tecnica di spazzolamento

Per ottenere una pulizia dei denti efficace, sia se si utilizza uno spazzolino elettrico che uno manuale, bisogna applicare una buona tecnica di spazzolamento. Lo spazzolino si deve muovere perpendicolarmente alla gengiva e sempre, con un movimento che va dalla gengiva al dente. Per le fasce laterali, si inclina a 45 gradi in modo da togliere la placca batterica dal solco delle gengive. E’ importante spazzolare per un minimo di 2 minuti, per almeno due volte al giorno. Lo spazzolino automatico riesce a garantire la stessa quantità di spazzolamento nel minor tempo ,però se utilizzato in modo giusto anche quello manuale riesce a dare lo stesso risultato.

Qual è spazzolino migliore per la pulizia dei denti?

Come già accennato, non esiste lo strumento perfetto per la pulizia dei denti. Sia lo spazzolino elettrico che quello manuale sono utili per garantire la pulizia della propria dentatura, però è importante mettere in campo uno spazzolamento efficace e duraturo. Lo spazzolino automatico è l’ideale soprattutto per anziani e i bambini oppure per persone che hanno difficoltà di tempo da occupare per lo spazzolamento dei denti. Alcuni modelli sono anche dotati di timer, in modo tale da calcolare il tempo speso per la pulizia. In generale però anche lo spazzolino manuale, quando usato in maniera corretta, è più che adatto a raggiungere l’obiettivo della corretta quotidiana igiene orale.